Home | Servizio Civile | Tutte le news
 
Amesci | Servizio Civile Amesci | Home
Covid-19: i dati sui progetti riattivati ed i volontari in servizio al 15 luglio

Diffuso l’ultimo report del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale.


E’ 33.933 il numero totale di operatori volontari che risultano attualmente impegnati in progetti di Servizio Civile Universale in 14.408 sedi. Di questi, sono 32.628 i giovani che sono tornati (o torneranno a breve) in servizio su 12.431 sedi dopo una sospensione del progetto dovuta alla pandemia da Covid-19.

Sono questi i dati che emergono dall’ultima istantanea scattata dal Dipartimento per le politiche giovanili ed il Servizio Civile Universale lo scorso 15 luglio.

Come emerge dal report, restano 831 gli operatori volontari che hanno dovuto interrompere il proprio servizio a causa del persistere di condizioni per cui non è stato possibile proseguire le attività progettuali per assenza delle condizioni di sicurezza o gli strumenti organizzativi ed operativi necessari a ripartire. Da sottolineare che grazie al forte impegno degli enti, dal 16 aprile , quando le interruzioni coinvolgevano 5.692 volontari, ad oggi oltre 4.800 sono i volontari hanno ripreso servizio.

Rispetto alle riattivazioni dei progetti, sono 22.485 (68,9%) gli operatori volontari attualmente in servizio che svolgono le attività originarie del progetto, mentre il 31,1% (10.143) è impegnato in progetti rimodulati. Dal supporto ai centri operativi comunali di protezione civile, al sostegno al sistema scolastico e dalla realizzazione di progetti educativi o culturali, al cosiddetto “welfare leggero”: queste le attività rimodulate su cui è ricaduta una maggior preferenza, in linea con il contesto emergenziale.

Rispetto le modalità di riattivazione dei progetti, In data 16 aprile, i volontari impiegati in attività sul campo erano 7.523, mentre oggi sono 18.628, un dato quindi più che raddoppiato. Alla stessa data erano invece 9.680 i volontari impegnati in attività da remoto, mentre attualmente sono 5.327.

Nella circolare del 4 aprile 2020, il Dipartimento ha previsto anche la possibilità di impiegare gli operatori volontari, previo loro consenso, in altre sedi proprie, in sedi di altri enti titolari di accreditamento, presso istituzioni pubbliche o, ancora, in organizzazioni private senza scopo di lucro non accreditate, attraverso specifici accordi di gemellaggio.  Ad oggi, con il dato non ancora definitivo, risulta che sono stati stipulati 219 accordi di gemellaggio da parte di 49 enti: sono 1.629 le “altre sedi” individuate per l’attuazione di attività che vedono coinvolti 5.078 volontari. Di questi, 1.764 sono impiegati in 608 sedi di organizzazioni, enti, e associazioni del servizio civile universale.

Per i progetti all’estero 770 sono gli operatori volontari impegnati in altri Paesi. 483 svolgono servizio attivo. Di questi 111 nei paesi esteri di destinazione e 372 in Italia. Di questi 483 volontari, operano con procedura ordinaria 447 (di cui 111 all'estero), mentre 36 con procedura rimodulata (tutti in Italia). La riattivazione è avvenuta secondo le seguenti modalità: - "sul campo" per 365 volontari; - "da remoto" per 83 volontari; - "mista" per 35 volontari. Per i restanti volontari gli enti hanno optato per l'interruzione temporanea dei progetti. Nei dati sopra riportati sono compresi anche i 24 giovani volontari dei Corpi Civili di Pace che risultano ad oggi ancora “in servizio”; ad eccezione di 6, sono tutti impegnati in attività “sul campo”. Occorre tener presente che, rispetto al contingente complessivo dei Corpi Civili di Pace, 68 volontari hanno terminato il loro servizio il 23 giugno scorso.

Il Dipartimento continuerà a monitorare l’andamento dei progetti di servizio civile sulla base degli scenari che si andranno a delineare nelle prossime settimane, cui i progetti stessi dovranno progressivamente adattarsi e valutare prudentemente le possibilità di ripristino integrale delle condizioni originarie. Resta fermo che, qualora l’emergenza dovesse riacuire i suoi effetti, il Dipartimento prenderà in considerazione la reintroduzione di nuove misure che saranno prontamente assunte e comunicate.

Clicca qui per consultare il report

(clicca sull'immagine per ingrandire)

Data pubblicazione: 20/07/2020

 

Commenta

 

 
 
 
 
 

 

© Amesci 2016


Tutti i diritti relativi ai contenuti, ai video e alle immagini presenti in questo sito sono riservati. Qualsiasi utilizzo è vietato in assenza di autorizzazione scritta da parte di Amesci. Per info: comunicazione@amesci.org
Sede Nazionale
Centro Direzionale
Via G. Porzio - Isola E3
80143 Napoli
Tel. +39 081-19811450
Fax +39 081-19811451
info@amesci.org
Area Nord
Via San Francesco, 30
35121 Padova
Tel. +39 049-7309436
Fax +39 049-7309436
areanord@amesci.org
Amesci Hub Roma
Via Angelo Brunetti, 31
Piazza del Popolo
00186 Roma
Tel. +39 06-45551965
romahub@amesci.org
Contattaci
Newsletter
Mappa
Privacy
ISO 9001:2015
Carta servizi